giovedì 9 giugno 2016

Kevin: less is more!

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta “Kevin” di Stefano Pasotti.

Kevin è una piccola lampada da tavolo autoprodotta, in due varianti: acciaio inox lucido oppure alluminio anodizzato; a breve vedrà la luce anche una versione in marmo.
Kevin - Alluminio anodizzato                                                        Kevin - Acciaio inox

La linea è essenziale e pulita, la forma molto regolare. Oggetto ispirato alla scuola di ULM e alla filosofia progettuale del rettore Max Bill, promotore della “Gute Form” (antitesi dello Styling), corrente secondo la quale il miglior design è da proporsi con forme oneste, slegato da mode e tendenze passeggere.
Cosa penso osservando Kevin? Mi rimanda inconsciamente alla mitica lampada Kartell, KD27 di Joe Colombo e starebbe benissimo a fianco della Tube Chair, dello stesso designer. La seconda cosa che penso è che ci voleva proprio una lampada così: regolare, discreta e minimale...perché nessuno ci ha mai pensato? In verità il tema è stato affrontato recentemente dalle italiane Calligaris, con Evo (discutibile) e Offiseria, con Vela (interessante). Credo che la lampada di Pasotti li abbia se non affiancati, addirittura superati, in stile, qualità e criterio produttivo; su tutti i fronti quindi.
Lampada Kevin - Design: Stefano Pasotti

Kevin è realizzata tramite la nuova tecnologia “taglio laser tubo 3D”, la testina robotizzata scivola veloce, sospesa su un cilindro metallico cavo ed in pochi secondi il corpo lampada è pronto; minimo l'impiego di energia così come lo scarto produttivo; niente saldature, piegature o rifili ulteriori.
Stefano Pasotti

Dietro a tutto ciò Stefano Pasotti, classe 1986, cresciuto a Lumezzane, centro nevralgico dell'industria bresciana, passa l'infanzia giocando fra i macchinari ed il magazzino della piccola azienda di famiglia, produttrice di casalinghi. Formatosi in un istituto tecnico, studente lavoratore, si laurea in Design presso la LABA di Brescia ed in breve tempo passa all'altro lato della cattedra, divenendo docente di “Tecnologie dei materiali”. Funzionalità e semplicità, non solo nella forma ma anche nella produzione, sono le ossessioni di Stefano, concetti perfettamente sintetizzati nei suoi progetti.

Foto: STUDIO22 - Nicola Tirelli

Nessun commento:

Posta un commento