lunedì 28 novembre 2016

DesignCircus X-Mas Edition 2016 - REVIEW

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, a Milano per raccontarci l'edizione natalizia dell'ormai noto DesignCircus.

Avevo già sentito parlare di DesignCircus, iniziativa attiva dal 2014, con ben sette edizioni alle spalle, ma non avevo ancora avuto modo di conoscerla, fino a sabato scorso.
DesignCircus è un evento patrocinato dal Comune di Milano, dedicato alla migliore autoproduzione italiana, che per l’edizione natalizia “X-Mas edition”, il 26 e 27 Novembre, ha scelto uno dei luoghi più popolari della movida milanese: Corso Como, con la vincente formula di “apertura speciale” fino alle ore 24:00, nella giornata di sabato.
DesignCircus X-Mas Edition
Location, l’Atelier Corso Como 5 (Atelier Abc Mannequins), adiacente al cui ingresso, l’organizzazione ha pensato bene di collocare un paio di Street Food Gourmet, per accontentare anche i palati più esigenti.
Lo spazio molto luminoso, non grandissimo ma accogliente, senz’altro ottimale per fruire comodamente delle 21 realtà creative in mostra.
Scatti rubati dall'evento DesignCircus
Mi sarei in verità aspettato unicamente pezzi di design autoprodotto, invece ho trovato anche opere d’arte, quadri, sculture, gioielli, cornici e numerosi pezzi unici, non c’è stato quindi da annoiarsi; a parte un paio di collezioni…dallo stile tristemente scontato e pacchiano ho trovato tutto il resto molto interessante, un’ottima selezione di pezzi.
DesignCircus X-Mas Edition presso l'Atelier Corso Como 5 a Milano
Fra gli espositori, il noto spazio TID, che come consuetudine sfoggia tutti i suoi oggetti “cavalli di battaglia” ma non manca mai di regalare qualche stuzzicante novità; Bigdesign di Luca Bignardi, del quale ho potuto finalmente apprezzare dal vivo, gli interessanti pezzi; l’amica Serena Fanara con le sue lampade “3d printed” della linea SeFa; bellissimi e fortemente espressivi anche i Robots dell’artista Simone Guazzetti, che risvegliavano la fantasia e strappavano un sorriso ad ogni visitatore, così come le “stoviglie storyteller” e gli oggetti di Emanuela Sala. Altissima qualità ed ottime idee, per gli oggetti in vetro di Glass MaDe, il grande centrotavola, in vetro effetto pluriball, mi ha fatto impazzire!
Le lampade Bigdesign / I Robots di Simone Guazzetti / Le opere di Glass MaDe
Rivelazione nel campo dei giovani designer autoproduttori, è stato per me INTERNO 99 di Piergiorgio Del Ben e Sara Moretto, che si sono limitati ad esporre pochi oggetti, ma di alto contenuto, sia estetico che materiale. La loro lampada Lightshadow è semplice, ben rifinita e funzionale, a dir poco impeccabile; anche il vaso a parete Ortoteca non è da meno, metallo e ceramica per un oggetto dalla doppia identità: contenitore di piante ed appendino declinabile per abiti o asciugamani.
INTERNO 99 di Piergiorgio Del Ben e Sara Moretto
A DesignCircus anche due Art Director prestati al mondo del design e dell’arte, si tratta di Daniele Cima, con le sue sgargianti e caleidoscopiche cornici dipinte a mano e Francesca Schiavoni, che ha proposto suggestive inclusioni in resina e metacrilato, ognuna con una sua storia da raccontare. Curiosi anche gli oggetti dell’architetto Rosa Vetrano, che con le sue “lampade medusa” ha da subito catturato la mia attenzione.
Il catalogo dell'evento DesignCircus X-Mas Edition 2016
Che dire dell’organizzazione? Voto 10 a Stefano Epis e Laura Alberti, che hanno organizzato un evento curato nei minimi dettagli, dato ampia visibilità mediatica soprattutto ai designer e fornito anche un bel catalogo cartaceo della mostra-mercato, disponibile oltretutto in digitale dall’app gratuita DesignCircus.

martedì 1 novembre 2016

Baby Tron, la seggiola prêt à porter

Giovanni Tomasini, designer e direttore creativo di Studio7B, presenta il progetto “Baby Tron”.

La Lombardia è senz’ombra di dubbio la capitale del design italiano, con oltre 6.200 imprese nel campo della produzione di mobili; risulta addirittura la prima regione in Europa, a dispetto della crisi.
Il progetto BABY TRON alla fiera HOMI di Milano.

Giulia Kron Morelli è uno dei 40 talenti lombardi under 35, selezionati nel 2016 per l’iniziativa “Design Competition Creatività³”. Il progetto, di Regione Lombardia con ADI Associazione per il Disegno Industriale e Fiera Milano, ha portato una frizzante ventata di creatività, all’HOMI di Settembre, la grande fiera dedicata alla persona ed agli stili di vita, recentemente conclusasi a Rho.
A ricordarci che il design del futuro è giovane, c’è Giulia con la sua poltroncina componibile Baby Tron, un oggetto in legno a misura di bambino: divertente, colorato, facilmente smontabile e trasportabile.
La seggiola Baby Tron della designer Giulia Kron Morelli

La robusta seggiola è in verità molto di più, si tratta di quattro oggetti in uno; una volta montata, può contenere ben due sgabelli ed un pratico cubo portaoggetti, sfilabili dalla seduta.
Ogni bimbo è unico e speciale, per questo motivo, sullo schienale è previsto uno spazio personalizzabile, nel quale si inserisce un “cammeo” a rilievo, realizzato con le tecnologie della stampa 3D e del taglio laser, tecniche che Giulia ha potuto affinare presso il FabLab di Brescia, del quale è co-fondatrice insieme a Michele Faini ed Eliana Valenti.
Baby Tron, robusta, sicura e facilmente smontabile.

La poltroncina si compone di soli 5 pezzi in legno, leggera e compatta, è trasportabile con l’apposito trolley di cartone, che il bambino può portare sempre con sè.
Tratto distintivo della designer italo-svizzera è saper conciliare la tradizione alle più evolute tecnologie produttive e materiali, con un occhio sempre rivolto alla sostenibilità.
La designer Giulia Kron Morelli con il prototipo della sedia Baby Tron.
Classe 1988, può annoverare numerosi premi e riconoscimenti, oltre che essere già una professionista affermata: Product Designer presso lo Studio eXpoint, collabora con aziende di gioielli e accessori come Mercantia, Barbieri Creazioni, AB AETERNO e MIOMOJO. www.studioexpoint.com